Appunti audio di Informatica

Di Redazione Studenti.


INFORMATICA


Storia del computer


Il computer moderno nasce principalmente dalle idee di un grande matematico, Alan Turing, che negli anni quaranta del novecento riuscì a progettare una macchina ideale, basata su processi algoritmici, che in linea di principio sarebbe stata in grado di effettuare qualsiasi tipo di calcolo.


Lo sviluppo in senso propriamente mediatico del computer non avviene prima della seconda metà degli anni '70 del Novecento.


L'idea di una "macchina per calcolare" è un antico sogno dell'umanità.


Il pioniere del computer in senso moderno è senz'altro Alan Turing (1912 - 1954).


Per capire come funziona un computer, è essenziale rendersi conto della sottile differenza che esiste tra la possibilità logica di un calcolo, incluso quello algoritmico, e la sua realizzazione pratica, meccanica.


Il pezzo fondamentale di un qualsiasi computer moderno e la cosiddetta Central Processor Unit o CPU.


Per poter funzionare, un computer moderno ha bisogno di immagazzinare un'enorme quantità di dati.


Un computer “non digitale” dovrebbe funzionare in modo analogico.


Se ci si chiede che tipo di numeri sono quelli che vengono manipolati dal computer, dobbiamo parlare del nostro modo di scrivere i numeri, cioè del cosiddetto sistema di notazione numerica.


La cosa migliore per chiarire il terzo punto, su come fa concretamente il computer a trasformare le informazioni in numeri e viceversa, è fare qualche esempio.
 

Qualsiasi algoritmo o insieme di algoritmi correlati tra loro può costituire un programma.


All'inizio degli anni '80 il computer iniziò quel ciclo ascendente che l'ha portato oggi a essere quasi un elettrodomestico.


Suggerisci qui in basso nuovi argomenti per questa sezione!

Una volta cliccato su "scarica" i file si possono ascoltare cliccando su "aprilo con" oppure si possono salvare cliccando su "salva su disco".