Iscrizioni a scuola 2019-2020: chi ha la precedenza e che succede se non c'è posto

Di Marta Ferrucci.

Che succede se nella scuola scelta per l'iscrizione 2019-2020 non c'è più posto? Ecco cosa avviene in caso di iscrizioni in eccedenza e chi ha la priorità

ISCRIZIONI A SCUOLA 2019-2020: CHE SUCCEDE SE NON C'E' POSTO?

Iscrizioni a scuola, che succede se non c'è posto
Iscrizioni a scuola, che succede se non c'è posto — Fonte: istock

Ogni anno centinaia di migliaia di studenti devono iscriversi al primo anno delle scuole superiori di secondo grado ma non sempre gli istituti riescono ad accogliere tutte le domande che vengono inoltrate. Anche se le scuole sono moltissime, il prestigio e le strutture sono spesso molto diverse tra loro e questo può determinare un sur di domande (guarda la classifica delle migliori scuole 2018). A chi va data precedenza nell'iscrizione, qualora una scuola abbia più richieste di quante sia in grado di accoglierne?
Innanzitutto bisogna dire che al momento dell'iscrizione le famiglie possono indicare fino ad un massimo di 3 preferenze: la prima scelta, la seconda e la terza. Se non c'è posto nella prima si passa alla seconda e così via.

  • Spetta al preside individuare, per ogni istituto, il numero massimo di studenti che è in grado di ospitare, in funzione delle dimensioni della scuola e del numero di professori disponibili.
  • Spetta al Consiglio di istituto definire i criteri di precedenza.

ISCRIZIONI A SCUOLA: CHI HA LA PRECEDENZA

Chi definisce i criteri di precedenza per l'iscrizione? Se ne occupa il Consiglio di istituto attraverso una delibera che va resa pubblica prima dell' acquisizione delle iscrizioni. I criteri devono essere pubblicati sul sito web dell'istituzione scolastica e, per le iscrizioni on line, in apposita sezione del modulo di iscrizione.
Pur nel rispetto dell'autonomia scolastica, esistono dei requisiti a cui devono attenersi tutte le scuole, ovvero:

  • la vicinanza della residenza dello studente alla scuola
  • particolari impegni lavorativi dei genitori

ISCRIZIONI A SCUOLA: CRITERI DI PRECEDENZA DA NON SEGUIRE

Anche se la scuola, in base all'autonomia scolastica, può definire i criteri in base ai quali decidere a chi dare la precedenza nell'iscrizione, il Miur definisce anche dei casi in base ai quali non è consigliabile effettuare la scelta. In pratica, il Miur sconsiglia alle scuole di dare precedenza in base:

  • alla data di invio dell'iscrizione
  • al fatto che nella scuola lavorino parenti dello studente
  • risultati di test di valutazione

Piuttosto, il Miur consiglia di adottare il criterio dell'estrazione a sorte.