Maturità 2019, i dubbi sulle buste dell'orale

Di Maria Carola Pisano.

Maturità 2019, orale con le buste: come funziona il sorteggio e quali sono i dubbi sullo svolgimento

MATURITÀ 2019

Maturità 2019, i dubbi sulle buste per l'orale
Maturità 2019, i dubbi sulle buste per l'orale — Fonte: istock

Con la pubblicazione dell'Ordinanza Ministeriale sulla maturità 2019 il Miur ha ribadito il funzionamento del colloquio orale, ultimo step dell'esame di Stato che i maturandi affronteranno dopo le prove scritte. Come si legge nell'Ordinanza Ministeriale sarà la commissione a proporre un argomento al candidato. Come? Con un sorteggio

MATURITÀ 2019 ORALE

Secondo l'Ordinanza Ministeriale i maturandi, in sede di colloquio di maturità 2019, potranno analizzare testi, documenti, esperienze, progetti e problemi per verificare l'acquisizione dei contenuti e dei metodi propri delle discipline. L'orale dell'esame di Stato prende avvio dai materiali che sono proposti dalla commissione. Questi materiali - come indicato dall'Ordinanza - costituiscono solo un punto di avvio del colloquio, che si deve sviluppare "in una più ampia e distesa trattazione di carattere pluridisciplinare che possa pluridisciplinare che possa esplicitare al meglio il conseguimento del profilo educativo, culturale e professionale dello studente. Affinché il coinvolgimento sia quanto più possibile ampio, i commissari interni ed esterni conducono l'esame in tutte le discipline per le quali hanno titolo secondo la normativa vigente, anche relativamente alla discussione degli elaborati relativi alle prove scritte."

L'argomento da cui prende avvio il colloquio viene predisposto dalla commissione in un'apposita sessione di preparazione. Gli argomenti devono essere individuati a partire dal documento del 15 maggio che contiene tutti i temi e le discipline affrontati durante l'anno scolastico in classe. Durante la sessione di preparazione la commissione di maturità 2019 deve predisporre un numero di buste - contenenti gli argomenti da sottoporre ai candidati - pari al numero dei maturandi aumentato di almeno due. I materiali delle buste scelte dai candidati, inoltre, non possono essere riproposti nei successivi colloqui. Il giorno dell'orale il presidente di commissione sorteggia tre buste e lascia al candidato la scelta di una di queste. 

MATURITÀ 2019 MIUR

Sebbene il Miur abbia chiarito le modalità di svolgimento dell'orale e le indicazioni per la scelta dei contenuti da inserire nelle buste, rimane qualche dubbio. Il primo dei quali riguarda l'argomento da cui prende l'avvio il colloquio: tutta la commissione potrà fare domande su quell'argomento o l'argomento sarà strettamente collegato a una disciplina, pertanto di competenza di un unico commissario? L'altro dubbio riguarda il calcolo delle probabilità: l'ultimo candidato ha meno probabilità di scegliere un argomento più nelle sue corde rispetto al primo. 

Nell'attesa di scoprire più chiare indicazioni da parte del Miur, noi vi consigliamo di leggere nel dettaglio cosa prevede la nuova maturità 2019: