Come diventare popolari e trovare nuovi amici

Di Redazione Studenti.

Come farsi nuovi amici a 16 anni come a 20 anni. I consigli della psicologa per diventare popolare, vincere la solitudine e la timidezza

COME TROVARE NUOVI AMICI

Fonte: istock

Vuoi essere felice? Coltiva le relazioni con gli altri! Avere delle relazioni gratificanti con altre persone è uno dei segreti per avere una vita felice e piena di soddisfazioni. Molte ricerche condotte nell'ambito della psicologi sociale, hanno evidenziato che chi ha una vita affettiva e relazionale soddisfacente, non solo è molto più felice ma ha anche un salute migliore e vive più a lungo.
E chi, invece, ha con gli altri dei rapporti solo superficiali oppure ha più difficoltà a trovare degli amici?

COME VINCERE LA SOLITUDINE
- La solitudine, quando non è una scelta volontaria, incide molto negativamente sul nostro benessere psicologico più di quanto possiamo immaginare. La sensazione di non essere importanti per nessuno è la causa di molte depressioni e persino di molti suicidi. Eppure, triste a dirsi, la solitudine è una condizione che si sta diffondendo sempre di più, complici i ritmi frenetici della vita moderna che non agevolano i contatti umani e, paradossalmente, anche dei social che ci rendono spettatori della vita degli altri ma spesso non ci aiutano ad oltrepassare il muro della timidezza. I ragazzi sembrano sempre connessi sono spesso i più isolati perchè sostituiscono le relazioni reali con quelle virtuali! Dunque? Alzate gli occhi dal cellulare ew guardate le persone in faccia. Favorite i rapporti reali a quelli virtuali. Sempre.

COME SCONFIGGERE LA SOLITUDINE - Timidezza, scarse abilità sociali, diffidenza verso gli altri, sono ulteriori fattori che possono contribuire a peggiorare la solitudine. La solitudine, però, può essere sconfitta, facendo lo sforzo deliberato di uscire dal proprio guscio e di aprirsi agli altri. Per qualcuno, vincere la solitudine e riuscire a trovare nuovi amici può essere più facile che per altri. Tuttavia con un po' di impegno e qualche consiglio si può riuscire a creare nuovi rapporti di amicizia.

CONSIGLI PRATICI PER SUPERARE LA SOLITUDINE – Purtroppo non è possibile in un unico articolo trattare un problema complesso come quello della solitudine in un modo esaustivo. Anche perché ciascuno è solo in un modo diverso: c'è la solitudine del timido che non osa avvicinarsi agli altri, c'è la solitudine della persona sempre in viaggio per motivi di lavoro, e c'è chi invece si sente solo in mezzo ad una folla, ecc..
In questa gallery, tuttavia, daremo alcuni consigli per sconfiggere la solitudine adatti ai diversi tipi di solitudine.

In alcuni momenti della vita ci si può sentire più soli che in altri:

  • quando si finisce una scuola o l’università
  • quando si cambia lavoro

In queste circostanze ci si ritrova spesso ad allontanarsi dalle vecchie amicizie che si erano strette in classe o in ufficio. È in questi momenti che riuscire a fare nuove conoscenze e farsi nuove amicizie diventa importante. Le cose da fare per migliorare la nostra vita sociale e vincere la solitudine sono diverse, ed è importante, per riuscire a creare dei buoni rapporti con gli altri, capire come muoversi e quali sono gli aspetti importanti di una vera amicizia.

COME FARE NUOVE AMICIZIE

  • Fai uno sforzo consapevole per fare nuove amicizie
    Finiti i tempi della scuola diventa più difficile farsi dei nuovi amici e le ragioni sono tante: si ha meno tempo, si è impegnati con il lavoro e con la famiglia, ciascuno ha la sua vita e c'è minor disponibilità a conoscere gente nuova. Anche con i vecchi amici potrebbe non esserci il feeling di un tempo: molte cose cambiano dall'adolescenza all'età adulta e i tuoi amici di sempre potrebbero aver preso una direzione nella vita completamente diversa dalla tua.
    Proprio per questo se vuoi delle nuove amicizie, devi dedicare alla tua vita sociale tempo ed energia, cercando di creare delle occasioni di incontro.
    Comincia a frequentare un posto dove puoi socializzare: una palestra, un associazione di volontariato, un corso di ballo o di teatro ecc. Vai a concerti, al cineforum, fai dei viaggi di gruppo, ecc.., l'importante è cercare di interagire con le persone che incontri.
  • Non avere paura di fare la prima mossa
    Sarà più facile fare amicizia se prenderai l'iniziativa nel contatto sociale. Fare il primo passo, però, può essere difficilissimo per un timido. Per ridurre l'ansia, può essere utile ripetere a se stessi che anche gli altri, anche quelli che sembrano brillanti e "vincenti", hanno i loro timori e le loro insicurezze e magari, si sentono soli proprio come te.
    Se sei timido, puoi avere il timore che le altre persone notino in te soprattutto i tuoi difetti: ma non è così, gli altri, se non sono gravemente frustrati, non sono lì per giudicarti negativamente, ma per cercare di star bene e divertirsi.
    Se sei timido, ti potrà capitare di sentirti a disagio o addirittura di arrossire, quando parli con qualcuno che conosci poco: non farne un dramma. I timidi sono caratterizzati da eccessiva consapevolezza di sé, ma più ti focalizzai sulle tue sensazioni di imbarazzo, più l' imbarazzo aumenta, mentre se non ci dai più di tanto peso, il disagio scemerà gradualmente.
  • Non c'è bisogno di essere brillante ad ogni costo!
    Nei primi contatti con un potenziale amico, quello che conta non è tanto apparire interessanti, quanto mostrarsi interessati all'altro. L'interesse sincero per l'altro è la chiave di un'amicizia ben riuscita. A questo proposito, vorrei citare un detto di Dale Carnegale che trovo profondamente vero: "Puoi trovare più amici in due mesi, interessandoti agli altri, che in due anni cercando di fare in modo che la gente si interessi a te"
  • Sviluppa l'amicizia con gradualità
    Alcune persone sole rovinano una potenziale amicizia, avanzando delle premature richieste d'intimità. Sono quelle persone che tengono al telefono per ore una persona che conoscono poco, oppure una volta ottenuto il numero di telefono, cominciano a chiamare tutti i giorni a qualsiasi orario.
    Lo stesso discorso vale per l'aspetto affettivo della relazione: è meglio evitare all'inizio confidenze troppo personali (es: "la settimana scorsa ho preso seriamente in considerazione l'idea di suicidarmi"). Questo genere di confidenze fatte ad conoscente, possono solo spaventare e/o imbarazzare.
  • Sii te stesso
    Molte persone con una brillante vita sociale devono combattere contro la sensazione di "sentirsi soli anche in mezzo ad una folla". Se anche tu, conosci un sacco di gente ma continui a sentirti solo, è perché instauri con gli altri dei rapporti solo superficiali. Con chi ti circonda non sei te stesso, reciti una parte, cercando di essere quello che gli altri si aspettano che tu sia.
    Quindi ti fingi più forte, più brillante, più sicuro di te di quanto tu non sia realmente, ma in questo modo non puoi sperimentare una vera intimità. Da qui nasce la penosa sensazione di solitudine, l'impressione che nessuno possa capirti ed esserti vicino. Smettere di fingere di essere la persona che gli altri si aspettino che tu sia, e farsi vedere per quello che sei, è il mezzo migliore per trasformare dei conoscenti in amici.
  • Non essere troppo critico verso gli altri
    Alcune persone respingono gli altri, adottando inconsapevolmente un atteggiamento troppo rigido e critico. Tendono ad aspettarsi troppo nelle relazioni con gli altri e ad avere una concezione idealizzata dell'amicizia: di conseguenza, vengono facilmente delusi. Quando l'altro, come spesso succede, non soddisfa le loro aspettative, perdono la fiducia e preferiscono rompere l'amicizia. A volte le persone con questo tipo di problematica, tendono a misurare quanto danno e quanto ricevono in cambio. Se per esempio, l'amico non ricambia, a breve, un invito, o una telefonata, si sentono ingannati e non apprezzati.
    Se ti sei riconosciuto in questo ritratto, devi imparare ad essere più tollerante e non pretendere dagli altri più di quanto non ti possano dare: dopotutto non esiste l'amico perfetto.
  • Sviluppa i tuoi interessi
    Se ti mancano gli argomenti di conversazione, devi ampliare i tuoi interessi.
    Il modo più semplice è quello di tenerti informato: puoi leggere il giornale, andare a vedere qualche film appena uscito o dedicarti alla lettura di quel nuovo best seller di cui parlano tutti, oppure puoi trovarti un hobby.
  • Sconsigliato ai cinici: una ricetta in pillole contro la solitudine
    La qualità delle nostre relazioni con gli altri dipende molto dal nostro atteggiamento psicologico: siamo chiusi e ci aspettiamo sempre qualche delusione? Siamo aperti e sinceri? A questo proposito riportiamo un brano, tratto dal libro:"Vincere la timidezza". Questo brano tratta un’intervista fatta ad una attrice famosa che è riuscita a superare la sua timidezza ed avere una vita sociale gratificante:

    "Dico sempre alle mie figlie che è importante sapere che gli altri hanno i tuoi stessi problemi. Non bisogna essere così egocentrici da credere che il mondo giri intorno a quello che la gente pensa del tuo aspetto, delle tue sensazioni e del tuo comportamento. Gli altri non stanno sempre lì a giudicarti e a valutarti negativamente. Pensano a se stessi, e sei tu che devi uscire fuori dal tuo guscio e andare verso gli altri, perché quando entriamo in contatto con un'altra persona allo stesso tempo ci mettiamo in contatto con noi stessi: aiutiamo noi stessi. Sono fermamente convinta che siamo un tutto unico. Lo siamo veramente e più sorridi e ti protendi verso gli altri, tanto più riceverai in cambio: si raccoglie quello che si è seminato.
    Sì, lo so, è un clichè ma è un clichè proprio perché è profondamente vero. E allora coraggio, vai avanti e stabilisci un contatto con le altre persone. Se, per esempio, a scuola vedi un bambino un po' timido, o che non si trova bene con gli altri bambini e sembra un pochino triste, ecco l'occasione di protendersi verso gli altri. Nel momento in cui lo farai, scoprirai qualcosa di stupendo. Sì le persone sono meravigliose e tutto quello di cui hanno bisogno è un po' di TAA.: tenerezza, amore e attenzione: è il miglior antidoto contro la solitudine!"