Seconda prova maturità 2018, pro e contro delle scelte dal Miur

Di Marta Ferrucci.

Uscite le materie di seconda prova per tutti gli istituti. E sorge la domanda: chi è davvero contento? Luci e ombre sulle scelte del MIUR

MATERIE 2018: LE SCELTE DEL MIUR PER LA MATURITA'

Fonte: istock

Mercoledì 31 gennaio il Miur ha comunicato le materie per la seconda prova, ma chi sono i maturandi soddisfatti e chi, invece, non è rimasto contento dalle scelte del ? Tra i liceali inizia a farsi strada un po' di paura: i maturandi dello scientifico sono sicuramente soddisfatti di dover affrontare Matematica in seconda prova anziché le temutissima Fisica ma, a fronte di questo, hanno dovuto pagare il prezzo di trovare le tre materie scientifiche del loro indirizzo affidate ai commissari esterni. Disappunto che hanno manifestato sui social:

Gli studenti del classico si aspettavano Greco (pur sperando fino all’ultimo che uscisse anche quest’anno latino) ma questa materia, oltre a non essere la loro preferita, è anche una di quelle affidata ai commissari esterni. Stesso discorso per scienze umane, al linguistico, in alcuni indirizzi degli istituti tecnici e professionali dove, appunto, la materia del secondo scritto alla maturità 2018 è anche quella affidata ai commissari esterni.

MATERIE MATURITA' 2018, I PRO E CONTRO

Dunque maturandi soddisfatti a metà: da un lato il Miur sembra averli accontentati facendo uscire le materie che si aspettavano, dall’altro affidandole ai commissari esterni ha reso la questione più complicata perché, su materie fondamentali, ha messo a giudicarli professori esterni, che non li conoscono perché provengono da altre scuola.
Scelte ponderate quelle del Miur, che non hanno voluto scontentare troppo ma neanche dar l'impressione di voler rendere tutto troppo semplice.

MATERIE SECONDA PROVA 2018